Turchia: le meraviglie della Costa Turchese

Dalyan, Turchia

Dalyan, Turchia

Foto CC BY di Alexander Shap

Siamo nella bella Turchia, nella sua area sud-ovest nota come la Riviera Turca, una zona che sfodera luoghi da sogno, paesaggi indimenticabili uno più bello dell’altro. Zone che si affacciano sul Mediterraneo, zeppe di siti archeologici, con una vasta cultura. Qui si trovano due delle sette meraviglie del mondo: le Rovine del Mausole di Maussollos ed il Tempio di Artemide.

Il tratto di Costa Turchese che si trova a sud ovest della città di gateway di Antalya, conosciuta anticamente come Lycia, è uno dei luoghi più rinfrescati della zona, merito delle aspre montagne della regione che, assieme alle spettacolari baie ed alle deliziose calette, si tuffano direttamente in un mare incredibilmente azzurro.

Qui anche le località più grandi come Fethiye e Kas sono poco più che villaggi. Eppure sono, generosamente costellati di bar, caffetterie, ristoranti, negozi.

Più vicino alla grande città di Antalya sorge Çıralı, un modesto borgo incastonato tra le distese di agrumeti, le montagne e una spiaggia di ciottoli lunga due miglia. Qui ci sono pensioni adatte alle famiglie e una striscia di ristoranti di fronte alla spiaggia.

Adrasan è una striscia di pensioni e alberghi modesti su una spiaggia riparata da pineti. Qui si può nuotare nelle limpide acque calde della baia, si può fare un giro in barca intorno al porto genovese e rilassarsi prendendo il sole. E ‘un luogo ideale per le famiglie.

Dirigendosi a ovest lungo la costa verso Kas sorge il piccolo villaggio di Kale Köyü, adagiato sotto il castello di Simena e che si affaccia sulle acque turchesi della disabitata isola di Kekova. L’isola fa capolino da un tripudio di carrubi, palme, noci, fichi e banani, il villaggio è caratterizzato da vecchie case greche, tre dei quali sono pensioni.

Semi-sommersa in mare aperto c’è una tomba licia con il sarcofago di pietra rialzato su un basamento roccioso, e molte altre rovine di una necropoli .

Nel 1838, il viaggiatore e archeologo Sir Charles Fellows visitò la regione e rimase estasiato dalle rovine che ha trovò. Si può arrivare a Kale Köyü a piedi o in barca.

Ancora più a ovest, al di là delle attraenti località di Kas e Kalkan, sorge Gelemiş, un villaggio turco incastonato tra le colline.

Oltre ad esplorare la splendida spiaggia di sabbia, a Kalkan si possono fare passeggiate sulla Via Licia (o guidare o prendere un minibus). Si possono esplorare le zone paludose dietro le dune alla ricerca di aironi e martin pescatori e si può guidare alla scoperta di antichi siti della Licia.

Cirali, Turchia

Cirali, Turchia

Foto CC BY-SA di ismali

A sud di Fethiye, la pittoresca valle dominata dall’ atmosferico villaggio fantasma di Kaya Köyü, reso famoso dall’autore Louis Des Bernières nel romanzo Birds Without Wings, sta attirando un numero crescente di visitatori.
Quando andare

Si tratta della classica zona “quattro-stagioni” con il clima che regala estati calde, inverni, primavere ed autunni miti.

Vediamo quali sono i luoghi da non perdere quando si intraprende un viaggio in questa terra meravigliosa.

Datça

Sulla sponda meridionale della penisola omonima, si sviluppa gradevolmente intorno al vecchio porto e comprende Iskele, Resadiye, e vicina Eski (vecchia) Datça.

La vera attrazione di Datça, tuttavia, è la penisola stessa. I migliori modi per visitarla sono noleggiare un auto o fare una gita in barca.

Da non perdere le affascinanti rovine di Cnido, antica città che sorge in cima alla scogliera, un tempo famosa per il suo culto della dea greca dell’amore, Afrodite.

Dalyan

Situato vicino all’aeroporto di Dalaman, a Dalyan ci sono numerosi alberghi e pensioni, molti dei quali sorgono sulla riva del fiume.

Molto apprezzate le sorgenti termali di Ilica, raggiungibili in barca da Dalyan. Sulle scogliere nel lato opposto del fiume, una serie di tombe rupestri licie si affaccia la città.

Kaya Köyü

Su un promontorio roccioso a sud di Fethiye una valle idilliaca è dominata dalle rovine del villaggio greco di Kaya Köyü .
Oggi il villaggio “fantasma”, con le sue case, le sue chiese e i suoi vicoli acciottolati, è un sito protetto.

C’è poco da fare nella valle tranne esplorare le rovine, passeggiare lungo le stradine tra i campi o rilassarsi sul balcone della vostra pensione ed ammirare le cime lontane.

 

Patara, Turchia

Patara, Turchia

Foto CC BY-SA di Vadimph

I dintorni di Kaya Köyü

Fethiye è tutto un susseguirsi di negozi, ristoranti, bar, ha un vivace mercato settimanale (si tiene ogni Martedì) ; Oludeniz è una laguna molto fotografata che fa parte di un parco naturale. Molto interessante è fare una camminata da Kaya Koyu a Oludeniz ( si può fare in meno di tre ore), ammirando alcune delle coste più suggestive del Mediterraneo.
Fethiye

Nonostante le incursioni del turismo, questa vivace città ha conservato molto del suo carattere turco come il mercato.
Sopra Fethiye, la laguna di Oludeniz e le località adiacenti di Ovacik e Hisarönü sono piene di alberghi, bar, caffetterie e ristoranti.

Gelemiş (noto anche come Patara)

Questo tradizionale villaggio turco è meglio conosciuto sia per i visitatori che per la gente del posto, come Patara, che è il nome del sito greco-romano e della famosa spiaggia
Comunque lo si chiami Gelemiş è la perfetta base da cui partire per godersi la spiaggia migliore e più lunga della Turchia.

Le atmosferiche rovine dell’antica Patara sono ancora in fase di scavo e si potrebbe facilmente trascorrere qui un’intera giornata vagando sotto archi trionfali e tra le tombe della Licia.

I dintorni di Gelemis

Il sentiero segnalato della Via Licia (lycianway.com), passa attraverso Gelemiş e consente di passare per l’affascinante acquedotto romano a Delikkemer o per Kalkan; gli escursionisti più allenati possono organizzare escursioni più lunghe.

Kalkan

Oggi Kalkan è una piccola, raffinata località di villeggiatura con un bel porto turistico, numerosi bar e ristoranti, vicoli pittoreschi e con un’ottima posizione affacciata su una splendida baia, sostenuta da imponenti vette.

C’è una spiaggia, Komurluk, vicino al centro città, dove è possibile noleggiare lettini

I dintorni di Kalkan

La gola Saklikent e i siti Licia di Xanthos e Pinara sono poco lontani da Kalkan di Patara. E’ possibile noleggiare una macchina e dirigersi verso il paese di Islamlar, oppure a Bezirgan, un villaggio famoso per i suoi “ambar”, piccole capanne di legno di cedro utilizzate per lo stoccaggio.

E ‘anche possibile prendere un minibus locale fino a Bezirgan e camminare lungo la Via Licia fino a Kalkan. Un’altra grande attrazione è la spiaggia di Kaputas, una piccola ma bella striscia di sabbia fine, ai piedi di una gola profonda e stretta.

Kaş

Aggrappato alle gonne di una montagna che si tuffa direttamente in un mare azzurro, Kas una volta era un sonnolento porto di pesca. Nessun luogo così bello poteva resistere alla marea del turismo, tuttavia, le ville, gli appartamenti e gli alberghi sono stati costruiti su pendii talmente ripidi che anche le capre ci pensano due volte prima di passare di lì. Il suo cuore è un grappolo di vecchie case di pescatori greci su strade strette intorno alla tomba del leone Licia.

La mancanza di grandi spiagge rende Kas non troppo idonea per i bambini. Le acque sono tra le più limpide del Mediterraneo e sono perfette per le immersioni subacquee.

Kale Köyü (noto anche come Simena)

Kale Köyü (“villaggio castello”) è raggiungibile solo a piedi o in barca. Con sole tre pensioni semplici ma accoglienti e una manciata di vecchie case greche che fa capolino tra il fogliame lussureggiante, c’è poco da fare se non rilassarsi ed esplorare il castello (tutti i giorni 9:00-19:30).

I dintorni di Kale Köyü

La località turistica vivace di Kas si trova a mezz’ora di distanza in auto, ed i visitatori più attivi possono decidere di percorrere la Via Licia.

Molto interessante Demre, una città mercato trasandato incentrata sulla suggestiva chiesa bizantina di San Nicola (tutti i giorni 09:00-07:00)

Adrasan

E ‘ideale per le famiglie, i subacquei e gli escursionisti che affrontano uno dei tratti più spettacolari della Via Licia, tra il faro di Capo Gelidonya e l’antico sito di Olympos.

Çıralı

Immaginate una lunga, curva spiaggia fatta di ciottoli, che in estate diventa la patria di tartarughe marine, sostenuta da agrumeti. Dietro, montagne boscose salgono alle altezze del monte Olympos (Tahtali Dağı in turco). Questo è Çıralı , uno dei luoghi più suggestivi del Mediterraneo, dove alberghi e boutique sono nascosti sotto una coltre di alberi.

Antalya

Con i suoi 300 giorni di sole all’anno, con la sua splendida cornice di montagna, con le sue grandi distese di spiaggia, con i tanti vicini siti antichi, la sua vita notturna e la sua cultura, è facile capire perché questa sia la città in più rapida crescita della Turchia.

Lasciaci un commento su questo articolo

Lascia un Commento

Viaggiare