Valencia, storia musei e tanto colore

Un decennio di sviluppo audace ha dato alla luce la terza città più grande della Spagna dove risiedono alcune delle architetture più suggestive del paese, in aggiunta alla ricchezza degli eleganti edifici in stile liberty che costeggiano le strade, dei monumenti gotici e rinascimentali. Con i suoi musei, la sua vivace vita notturna, i suoi grandi negozi e i suoi chilometri di spiaggia, Valencia è piena di quell’ esuberanza tipica mediterranea.

Valencia

Una città perfetta tutto l’anno, a parte i mesi invernali più rigidi ma comunque sempre più miti degli inverni italiani. Primavera e autunno sono le stagioni più ricche di eventi culturali e in queste stagioni sono quasi garantite temperature calde e sole. In piena estate si ci può crogiolare al sole delle tantissime spiagge.

C’è molto da vedere a Valencia. Si può trascorrere una giornata alla Città delle Arti e delle Scienze, o in alcuni dei tanti grandi musei. Per visitare questa città non c’è bisogno di attenersi a un “piano”, basta girare per il centro storico ci si imbatte nella cattedrale, nel mercato centrale e in alcuni musei, per non parlare degli innumerevoli bar e dei piccoli negozi da spulciare.

Valencia

Vediamo quali sono le principali attrazioni di Valencia.

I Giardini del Turia

Il fiume Turia scorreva intorno alla città fino al 1950, in quella data è stato deviato dopo le inondazioni. Il letto del fiume è oggi in un parco dove si può passeggiare, correre, fare skateboard e andare in bicicletta. Un vero e proprio polmone verde.

La Cattedrale di Valencia

In questo luogo sorgeva un tempio romano poi, tra i secoli 13 ° e 15, è stata costruita una moschea proprio davanti alla cattedrale con un mix di elementi romanici, gotici e barocchi. Il museo contiene un calice riconosciuto dal Vaticano come l’originale Santo Graal.

Il Mercato Centrale

Una festa per gli occhi. Con ben 1.000 bancarelle colme dei migliori prodotti di stagione il mecato centrale è una sorta di museo a cielo aperto. Costruito nel 1920, il mercato, realizzato in stile art nouveau, è uno dei più grandi d’Europa.

La Lonja

Di fronte al mercato, c’è il mercato della seta realizzato nel 15 ° secolo, uno dei migliori esempi di architettura civile gotica in Europa e ha lo status di Patrimonio dell’Umanità.

Il Museo delle Belle Arti

Questo è in realtà uno dei più importanti musei d’arte della Spagna. Ospitato in un edificio del 17 ° secolo, custodisce collezioni 16 ° secolo, opere di Velázquez, El Greco e artisti valenzani compreso Sorolla. Una nuova sala è dedicata ai dipinti del museo di Francisco de Goya.

valencia

Il Bioparc

Gli animali vivono in un habitat più naturale possibile in questa versione del 21 ° secolo, di uno zoo. Nel Bioparc si possono esplorare gli ecosistemi della savana, le foreste del Madagascar e dell’Africa equatoriale. Perfetto per grandi e piccini.

Il Museo Nazionale della Ceramica

Attraverso la visualizzazione di grafici si può conoscere quello che è stato lo sviluppo della ceramica dal iberica, greca e romana. Ed imparare in modo semplice e divertente.

L’Istituto Valenciano di Arte Moderna (IVAM)

Un museo di arte contemporanea che custodisce la mostra permanente di numerose opere contemporanee.

Il Museo di Storia di Valencia

E’ nei pressi del Bioparco e si trova in un acquedotto del 19 ° secolo. Si impara e si conosce la storia della città in un modo divertente con le mostre interattive.

albufera Valencia

L’Albufera

Questo lago di acqua dolce si trova sei miglia a sud della città, è una delle zone umide più importanti d’Europa.

Sagunto. Sulla costa a 16 miglia a nord di Valencia, Sagunto è stato occupato da iberi, romani, visigoti, mori e cristiani ed è ricco storia. Vale la pena visitare il teatro romano restaurato di recente, il quartiere ebraico e il castello.

Lasciaci un commento su questo articolo

Lascia un Commento

Viaggiare