Fosdinovo: il Castello Malaspina e il suo fantasma

Visitare un Castello è sempre un’esperienza affascinante, non solo per quel che concerne l’aspetto strutturale della costruzione, ma anche per quel che riguarda lo spirito di chi nel castello ha vissuto. Se decidete di trascorrere le vostre vacanze nella bella Lunigiana, non potete certo mancare all’appuntamento con il fantasma del Castello Malaspina. Innanzitutto raccontiamo brevemente della Lunigiana, una terra ricca di storia, di borghi medioevali, di chiese e di castelli.

Chi sceglie di trascorrere le vacanze in Lunigiana può addirittura spaziare tra mare e monti vista la vicinanza con entrambi. Per quanto riguarda il mare c’è la costa tirrenica con i suoi da paesini spesso a picco sul mare. E poi ci sono le Alpi Apuane perfette per gli amanti del trekking e delle vie ferrate, ma anche per chi vuole trascorrere una vacanza all’insegna della natura. Le Alpi Apuane danno la possibilità di fare escursioni a tutti i livelli e regalano Parchi naturali meravigliosi.

E poi ci sono i castelli. La Lunigiana è denomianta la “terra dei cento castelli”. I principali, partendo da nord, sono il castello del Piagnaro di Pontremoli, il castello di Malgrate, il castello di Castiglione del Terziere, la fortezza della Brunella di Aulla. Passando alla Lunigiana orientale, i due principali castelli sono la Verrucola di Fivizzano, nell’omonimo borgo, ed il castello dell’Aquila di Gragnola, restaurato negli ultimi anni. Ma ora vediamo nel dettaglio il Castello Malaspina, che sorge a Fosdinovo.

Ma chi sono i Malaspina? Tutto inizia nel lontano 945 d.c. un discendende della famiglia degli Obertenghi si chiama per primo Malaspina. Il nome, narra la leggenda, deriva dal fatto che il nobile A

ccino Marzio vendica la morte del padre trafiggendo con una spina il il re dei Franchi Teodoboerto e lui gridò “mala spina!”, questa leggenda è raffigurata in un dipinto conservato nel Castello.

Nel 1221 la famiglia Malaspina si divide :i Malaspina dello Spino Secco ed i Malaspina dello Spino Fiorito. Sono quelli dello Spino Fiorito ad entrare in possesso del feudo di Fosdinovo e del suo castello. Una catello che ha ospitato anche Dante Alighieri, amico dei Malaspina.

Il Castello Malaspina venne costruito nella seconda metà del dodicesimo secolo per difendesa di Castro di Fosdinovo. L’arredo e gli affreschi delle grandi sale del Castello risalgono alla fine del 1800. Nel Castello si possono ammirare la sal d’ingresso, la sala da pranzo con un enorme camino del Settecento che serviva per ascoltare le conversazioni delle altre stanze. la sala Dante, la camera del trabocchetto, le stanze dove venivano torturati i prigionieri. Una costruzione affascinante, suggestiva. Dalla la sala del trono si può acceder, attraverso diverse scale e camminatoi alla Torre Merlata, spesso circondata da una misteriosa nebbia che conferisce ancora più fascino a tutto il contesto.

Ma la cosa più affascinante del Castello Malaspina è la leggenda che aleggia da sempre intorno alla sua storia. La protagonista è la giovane, bellissima e ribelle Bianca Maria Aloisia, figlia di Giacomo Malaspina e Oliva Grimaldi. Il suo amore con uno stalliere era contrastato dai genitori. Dopo diverse minacce e torture tutte ignorate dalla ragazza, Bianca venne murata viva in una cella, insieme ad un cane, simbolo di fedeltà, e ad un cinghiale, simbolo della sua ribellione. Ecco lo spirito ribelle di Bianca aleggia, o pare aleggiare, ancora nelle stanze del Castello. E in tanti giurano di aver visto una bellissima ragazza dai lunghi capelli aggirarsi tra le stanze. Chissà….ciò che è certo è che il Castello merita una visita.

Così come la merita tutta Fosdinovo che sembra un proseguio del Castello. A Fosdinovo, che si trova in provincia di Massa Carrara, si possono infatti ammirare anche la Chiesa Parrocchiale di San Remigio, l’oratorio della Compagnia dei Bianchi, la villa Malaspina, i ruderi del castello eretto dai Vescovi di Luni a Ponzanelllo, il borgo di Marciaso, il ritrovamento archeologico di un guerriero ligure a Giucano e Pulica.

Per chi ama l’avventura a Fosdinovo c’è il Parco Avventura Fosdinovo, un’ottima alternativa alla solita gita, per trascorrere una giornata diversa dal solito nel rispetto della natura in un bosco con percorsi sportivi. Nel parco si può passare, nella massima sicurezza, dal un albero all’altro. Ciligina sulla torta è il panorama che offfre la vista sul castello Malaspina e sul golfo di Portovenere.

Lasciaci un commento su questo articolo

Lascia un Commento

Viaggiare